Saluto al mare 2019: 4° trofeo Roberto Ferro
10 Dicembre 2018
Chioggia, Sottomarina e Isola Verde: bandiera blu anche per il 2019
3 Maggio 2019

Giornate del Fai, 23 e 24 marzo riapre alle visite il forte di San Felice

La venuta a Chioggia del Ministro della Difesa il 28 novembre scorso ha dato un sigillo pubblico al passaggio di consegna di gran parte del Forte San Felice dal Ministero della Difesa a quello delle Infrastrutture, in modo che il Provveditorato OO.PP. ex-Magistrato alle Acque possa iniziare l’opera di recupero utilizzando fondi per le misure di compensazione del MOSE (stanziati 7 milioni di euro). I primi lavori non sono ancora partiti, ma sono imminenti. L’apertura di cantieri avrebbe potuto forse comportare l’esclusione delle visite al Forte. Il Comitato Forte San Felice, sostenuto dall’Amministrazione comunale, ha però chiesto che fossero autorizzate le visite, eventualmente con alcune limitazioni in conseguenza di cantieri aperti: troppo forte la richiesta da parte di cittadini di Chioggia e da fuori per visitare questo nostro patrimonio, specie dopo essere stato oggetto di ampia attenzione da parte dei media. Così tutti gli Enti del Tavolo Tecnico che presiede all’attuazione del protocollo d’intesa sul Forte sono stati d’accordo sull’autorizzazione delle visite.
I primi appuntamenti saranno per sabato 23 e domenica 24 marzo nell’ambito della manifestazione nazionale delle Giornate di Primavera del FAI, riproponendo quanto avvenuto con successo lo scorso anno con le visite curate dagli studenti dell’Istituto Cestari. Francesca Barbini, capo delegazione FAI di Venezia, nel richiedere l’autorizzazione ricorda come il Forte sia davvero nel cuore dei cittadini e lo riporta come esempio particolarmente significativo di positiva risposta delle Istituzioni locali e nazionali alla campagna di sensibilizzazione che ha visto protagonista il Comitato Forte San Felice.
Le Giornate di Primavera FAI al Forte vedono naturalmente la piena collaborazione del Comitato, prima di tutto nella formazione degli studenti aspiranti ciceroni del Cestari e poi nell’organizzazione concreta delle visite. Lo scorso anno gli studenti hanno dato una bellissima prova di impegno e capacità; altrettanto crediamo faranno quelli di quest’anno, una ventina, sotto la guida appassionata della loro professoressa Bordone Federica.
Le visite, le cui modalità operative verranno rese note per tempo, saranno anche l’occasione per vedere realizzati i primi seppur limitati interventi finanziati proprio da FAI e Comune, specie con l’eliminazione della vegetazione infestante di un tratto di bastione realizzando un belvedere che permette una suggestiva visione della laguna verso Chioggia. I percorsi di visita, sempre all’esterno degli edifici, ne risultano migliorati, anche con un inizio di cartellonistica.
Oltre alle Giornate di Primavera, ci saranno altre possibilità per visitare il Forte. Su proposta del Comitato, il Comune ha richiesto l’autorizzazione per un programma di visite con le seguenti date: 11 maggio, 15 giugno, 6 luglio, 7 e 21 settembre (sempre sabato pomeriggio). Alcune scuole poi, sempre in collaborazione col Comitato, hanno in programma di chiedere l’autorizzazione a visite per i loro alunni in orario scolastico.
Rimaniamo convinti che la conoscenza diretta dei cittadini sia una spinta fondamentale affinchè il nostro patrimonio storico ed ambientale sia recuperato e valorizzato.